Matematica delle parole • Alessandro Ghebreigziabiher

12,00

248 pagine

ISBN: 978-88-32219-09-8

COD: 978-88-32219-09-8 Categoria:

Recensioni

Uno studio di personaggi, dalle caratteristiche diverse e precise, che Alessandro Ghebreigziabiher – drammaturgo, scrittore, regista e narratore – porta in scena con Cecilia Moreschi e Giancarlo Furia e con le canzoni di Carla senza di noi band.

Modulazioni Temporali

Dalla penna dell’attore e regista teatrale Alessandro Ghebreigziabiher, un sorprendente romanzo che attraversa il mondo dei numeri e delle lettere.

Alessandro Ghebreigziabiher

Questo romanzo è la diretta conseguenza del fluire nelle stesse pagine di due ben diverse e spesso contrapposte passioni, la matematica e la letteratura.

Libero Libro

Fa riflettere, divertente e a tratti commovente.

Cliente Amazon

Le donne sanno insegnare i numeri, ma conoscono l’arte delle parole

Press Reader

Il dipartimento di Analisi Matematica di cui il professor Gianni Barbieri è a capo, verrà presto chiuso per mancanza di fondi. L’uomo, affetto da un disturbo bipolare, alterna fasi maniacali a momenti di depressione. Ricevuta la drammatica notizia, smette di prendere i farmaci, e si lancia in un’impresa utopica che a suo dire gli permetterà di salvare il dipartimento e il suo impiego: risolvere la congettura dei numeri primi gemelli, tra i più celebri problemi matematici. Quando Barbieri, che in un primo momento crede di aver effettivamente risolto la congettura, scopre da una conversazione carpita leggendo le labbra di un suo studente, che invece ha fallito, cede definitivamente allo sconforto e decide di togliersi la vita gettandosi dal balcone.

Alessandro Ghebreigziabiher

Scrittore, drammaturgo, attore, narratore e regista teatrale, è nato a Napoli nel 1968 e attualmente vive a Roma. È coordinatore del network internazionale di narratori Red Internacional de Cuentacuentos e fondatore della rete internazionale Storytellers for Peace. Nel 2005 ha creato il Laboratorio di teatro narrazione Il dono della diversità e dal 2006 è il direttore artistico dell’omonima Rassegna teatrale.